Archivi categoria: Cantanti

Robert Hutt, Radames sull’Unter den Linden

Incrociando il numero di inventario di questa cartolina dell’editore berlinese Leiser con il mio pedantissimo registro delle acquisizioni, vedo che l’acquisto risale a poco più di un anno fa. Prima di tornare, ieri sera, a sbatterci fortuitamente il naso mi … Continua a leggere

Pubblicato in Berlino, Cantanti, Cartoline, Galleria verdiana | Contrassegnato , | Lascia un commento

Marie Gutheil-Schoder, Louise per Gustav Mahler

Almeno quattro altre volte mi sono occupato di Marie Gutheil-Schoder, multiforme genio musicale, prediletta da Gustav Mahler e concreta dimostrazione che quasi sempre il cervello, la musicalità, la cultura e tutto quello che trasforma un normale essere umano in un … Continua a leggere

Pubblicato in Cabinet card, Cantanti, Löwy Josef, Vienna, Visto | Contrassegnato , | Lascia un commento

Feodor Chaliapin, “cantava come Tolstoj scriveva”.

Fu un vero pezzo da novanta questo signore un po’ dandy e un po’ gentiluomo di campagna che con studiata naturalezza guarda diritto nell’obiettivo, manifestando una lunga consuetudine con lo stare davanti alla macchina fotografica. Chissà chi gli ha fatto … Continua a leggere

Pubblicato in Cabinet card, Cantanti, Cartoline | Contrassegnato | Lascia un commento

Post senza parole

Pubblicato in Cantanti, Scombinate memorie | Contrassegnato | Lascia un commento

Jeanne Nadaud, “Fatinitza” e quella cosa sulle ventitré

Non l’ho fatto apposta ma è davvero bizzarra la fotografia alla quale è capitato l’indubbio onore di essere siglata, all’ingresso in collezione, con il numero di inventario 500. Si tratta di una cabinet card di Nadar, dipinta a mano (ci … Continua a leggere

Pubblicato in Cabinet card, Cantanti, Nadar, Operette, Parigi | Contrassegnato , | 4 commenti

Emma Eames e la dimenticatissima Zaïre

Succede sempre così, mi accingo a una nuova ricerca e invece di andare diritto per quella strada mi distraggo, apro parentesi, colgo indizi che mi fanno suonare campanelli su tutt’altre cose e finisco, tempo mezz’ora, per occuparmi di tutto fuorché … Continua a leggere

Pubblicato in Benque & C., Cabinet card, Cantanti, Parigi | Contrassegnato | 1 commento

178 candeline per Adelina Patti

Nessuno glieli darebbe a vederla qui, col suo faccino di porcellana, le mani giunte e gli occhi al cielo ma oggi Adelina Patti compie la bella età di 178 anni. La data, così fausta alle sorti del belcanto, è quella … Continua a leggere

Pubblicato in Cantanti, Carte de visite, Londra, Reutlinger Charles | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Storie per la memoria: Vera Schwarz

Fu previdente, Vera Schwarz, e riuscì ad evitare il peggio. Forse già nel 1927 aveva capito come sarebbero andate a finire le cose; era a Vienna a cantare Jonny spielt auf di Ernest Krenek e si trovò a fare da … Continua a leggere

Pubblicato in Berlino, Cantanti, Cartoline, Galleria wagneriana, Storie per la memoria | Contrassegnato | Lascia un commento

Hermann Winkelmann, Lohengrin per Gustav Mahler

Lo sguardo sognante di Lohengrin, incarnato – in questa cabinet card dello studio viennese Adèle – da Hermann Winkelmann, vale qui come timido auspicio per il futuro, al termine di un anno che, credo, vorremmo tutti poter dimenticare.Non potremo, naturalmente, … Continua a leggere

Pubblicato in Adéle, Cabinet card, Cantanti, Galleria wagneriana, Vienna | Contrassegnato , , | 2 commenti

Albert Saléza e il debutto tardivo di M. Lefebvre

A leggere quello che i giornali dell’epoca scrivono di lui, Albert Saléza deve essere stato un signor tenore. Fece infatti una carriera prestigiosa, divisa soprattutto fra l’Opéra di Parigi e il Metropolitan con ampie parentesi a Londra, Bruxelles e Montecarlo … Continua a leggere

Pubblicato in Benque & C., Cabinet card, Cantanti, Opere, Parigi | Contrassegnato | 3 commenti