Claudio Abbado

Claudio Abbado è morto e non è che si abbia tanta voglia di parlare.
Però questa sera ascoltavo RadioTre e certi discorsetti a commemorazione del caro estinto, senza che nessuno si fosse apparentemente preso la briga di pensare se un lutto del genere non meritasse una modifica della programmazione e magari un ricordo un po’ più approfondito e serio. E mentre il conduttore continuava a parlare sul minuto di silenzio chiesto da Lissner (si dava un concerto dalla Scala), mentre la conduttrice riprendeva la linea subito dopo per puntualizzare che orchestra e pubblico si erano alzati in piedi – ma guarda un po’ – ho fatto un giretto sui siti di alcune radio di oltralpe e ho trovato che:
– Bayern Klassik annunciava un cambiamento dei programmi e due ore dedicate ad Abbado, con Mahler e Luigi Nono;
– Kulturradio Berlin proponeva un’ora di trasmissione di ricordi e analisi;
– SWR2 due ore di trasmissione con una biografia, una lunga intervista ad Abbado e una parte del suo concerto di debutto in Germania, a Stoccarda negli anni Sessanta;
– Deutschlandradio Kultur il requiem di Verdi registrato a Berlino
– öe1 il Simon Boccanegra.
E qui mi sono fermato, ho spento la radio e per l’ennesima volta ho mandato a quel paese la Rai e questa insulsa repubblica delle banane.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sentito, Varia. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Claudio Abbado

  1. Rodolfo Canaletti ha detto:

    Radio 3 è stata una grande radio. Per anni l’ho seguita. Quando ancora registrare una musica, un concerto, un’opera era un grande problema, io con quali vecchi registratori a nastro della Grundig quanta musica ho potuto registrare, e ascoltare e riascoltare. Adesso è veramente crollata. Basti pensare al programma delle diciotto, i cosiddetti Sei gradi, dove si mescola musica classica, jazz, musica rock, musica pop e addirittura canzonette, solo per un criterio di collegamento, che potrebbe essere l’acqua, o il colore dei capelli di qualche bell’imbuto, o una data di nascita, etc. E si vorrebbe far passare questa atrocità come un elemento unificante della musica!!!!

  2. Francesca ha detto:

    Veramente a me “i sei gradi” piace… parere personale, ovviamente.

  3. Maragià del Bangalore ha detto:

    Adotterei un criterio statistico: forse anche tutte le altre radio del mondo, escluse quelle teutoniche che tanto piacciono a Johann Joachim per ovvio campanilismo, se ne sono fatte un baffo. Ma anche questo è colpa della febbre che mi fa sragionare. RIP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...