Theodor Wachtel, dalla carrozza al palcoscenico

Wachtel0105

Questa carte de visite è del fotografo Napoleon Sarony (1821-96), canadese di nascita ma attivo a New York dove aprì il proprio atelier nel 1867, specializzandosi presto come ritrattista di star del teatro. Era un tipo assai eccentrico ma per quanto riguarda gli affari sapeva decisamente il fatto suo. La passione del pubblico per l’acquisto di ritratti fotografici di divi e dive del palcoscenico lo portò a offrire consistenti cachet a diverse celebrità che posarono per lui (fecero sensazione i 1500 dollari che pagò a Sarah Bernhardt) lasciandogli poi i ricavi derivanti dalla vendita delle fotografie. Ma non solo: una causa che intentò alla Burrow-Giles Lithographic Company per l’uso non autorizzato di un suo ritratto di Oscar Wilde arrivò fino alla Corte Suprema e portò nel 1884 a una sentenza di portata epocale che estese anche ai fotografi il diritto di copyright.
La leggenda dice che la straordinaria voce di Theodor Wachtel (Amburgo, 1823 – Francoforte 1893) sia stata scoperta perché il giovane, di mestiere fiaccheraio, era solito guidare la sua carrozza cantando a squarciagola. Sarà un caso, sarà il destino ma alla fine il suo Paraderolle, il cavallo di battaglia, sarebbe diventato il ruolo di Chapelou, il postiglione che diventa tenore protagonista di Le postillon de Lonjumeau di Adam. Talmente lo cantò, oltre mille recite solo in Germania, che alla fine il pubblico finì per identificarlo con questo autentico sesto grado del canto tenorile. Pare che in scena l’ex fiaccheraio esibisse anche una stupefacente abilità nel far schioccare a tempo la frusta.
In realtà Wachtel cantò molto di più: dopo un inizio di carriera nel piccolo teatro di corte di Schwerin e oltre un decennio passato in giro per i teatri tedeschi e per l’Irlanda e la Svezia, nel 1863 arrivò alla Hofoper di Berlino dove riscosse un eccezionale successo come Edgardo nella Lucia di Lammermoor; l’anno precedente aveva fatto, sempre con Edgardo, il suo debutto al Covent Garden, dove sarebbe tornato più volte negli anni successivi e dove, nel 1865, fu l’interprete di Vasco de Gama nella prima londinese de L’Africaine di Meyerbeer accanto a Pauline Lucca, la grande rivale di Adelina Patti.
Il ritratto di Sarony risale certamente agli anni Settanta dell’Ottocento: sappiamo infatti che Wachtel compì due tournée negli Stati Uniti, prima nel 1871-72 e poi nel 1875-76. Ciò che faceva colpo sul pubblico era la potenza della sua voce, in grado di scalare le vette più alte del pentagramma sempre con emissione di petto e con incredibile sicurezza. I suoi ruoli di elezione furono tutti pezzi da novanta: Manrico (che potrebbe essere il personaggio interpretato in questo ritratto), Raoul degli Huguenots e Arnold del Guillaume Tell. Ci provò anche con Wagner mettendo Lohengrin in repertorio, ma il successo questa volta fu scarso e il tenore fece marcia indietro.
Di Wachtel possiedo due ritratti, che mettono entrambi in evidenza un buffo vezzo di questo grande tenore. Qui lo si può al massimo intuire, in un prossimo post presenterò l’altro scatto, che lo mette in ben maggiore evidenza. Arrivederci quindi alla prossima puntata.

Wachtel0105-L

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cantanti, Carte de visite, Fotografie, Sarony Napoleon e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...