Va pensiero…

A distanza di anni non ricordo più dove successe, allora frequentavo tutti i mercatini dell’antiquariato dei dintorni. Potrei averlo trovato nell’unico che allora si faceva a Venezia, in campo S. Maurizio, oppure a Piazzola sul Brenta, a Badoere, a Noale o ad Asolo. Sta di fatto che su un banchetto trovai questo libriccino, con la copertina muta.
Una poca cosa, non particolarmente attraente e una rilegatura di poco prezzo, non troppo ben conservata. Però il segugio dei mercatini sa che il naso bisogna ficcarlo fino in fondo, a maggior ragione quando la prima occhiata non dice nulla di particolare. Non che abbia mai fatto grandi ritrovamenti nella mia troppo breve e ormai conclusa carriera, però – non faccio per vantarmi – due o tre cosette col botto le ho recuperate. E così sfilai il libretto dalla pila di bignami e opuscoli nella quale stava, lo aprii e, beh, questa volta il tuffo al cuore ci fu, eccome:

Il libretto della prima rappresentazione del Nabucco alla Scala, ultima opera della stagione di Carnevale del 1842. Questo è il frontespizio, cui segue alla pagina successiva l’elenco dei primi interpreti, fra i quali naturalmente Giorgio Ronconi, Giuseppina Strepponi e Prospero Derivis:

Seguono le prime parti dell’orchestra e i responsabili dell’allestimento, compresi Capi sarti da uomo e da donna, Berrettonaro e Fiorista e piumista:

Poi il corpo di ballo, comprensivo degli allievi dell’I.R. Accademia, e poi finalmente l’inizio dell’opera:

Basta, solo questo volevo mostrare. Il mio piccolo contributo al centocinquantenario. La chiusura è naturalmente sulla pagina del coro più famoso della storia dell’opera, che letto su questi fogli dà un brividino in più. Se non altro al pensiero che quella sera del 9 marzo 1842 queste stesse pagine possono aver assistito nella sala del Piermarini alla sua prima esecuzione assoluta:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Letto, Libretti, Opere, Teatri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Va pensiero…

  1. Isidoro ha detto:

    Azz…….
    Comunque il nabucodonosor era di Temistocle Solera. l nome di verdi è il penultimo della seconda pagina, prima dello scenografo.

  2. Traditore. Mi hai commosso. Davvero.

  3. Pingback: Certe piccole bellezze « Il cavaliere della rosa

  4. Pingback: Il tesoro di Ruga Giuffa « Il cavaliere della rosa

  5. A.B. ha detto:

    Avrei necessità di contattare il proprietario del libretto e delle immagini scattate. Potebbe fornirmi una mail? Ringrazio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...