Storie per la memoria

Nella sua orribile furia, l'Olocausto ha lasciato un segno profondo e indelebile anche nel mondo apparentemente "a parte" della musica. In tanti dovettero abbandonare la Germania quando, nel 1933, si videro preclusa ogni possibilità di lavorare. Fra loro cantanti leggendari come Lotte Lehmann, Alexander Kipnis, Fritzi Massary, Vera Schwarz, Richard Tauber, Elisabeth Schumann. Questi furono... Continue Reading →

Addio, fiorito asil

Per cominciare un avviso: il sottotitolo Il melodramma italiano da Rossini al verismo è sbagliato e fuorviante. Messa così, sembrerebbe che il libro sia un compendio organico di storia dell'opera italiana, o comunque una raccolta di scritti che questa storia la delineano. Invece il libro è diviso in due: raccoglie prima uno scritto già pubblicato... Continue Reading →

L’enigma non si scioglie

Dopo la Cavalleria rusticana in diretta dalla Scala, l'enigma Daniel Harding resta per me privo si soluzione. Estraneo ma geniale, diceva qualcuno nel collegamento. Io il genio suo ancora aspetto che mi si riveli, mentre l'estraneità a quello che ha diretto stasera mi pare totale. Mascagni è quello che è e la Cavalleria, pur sempre... Continue Reading →

Concerti di Capodanno

Sky trasmette in diretta da Dresda un concerto "tutto Lehar" con Christian Thielemann e Renée Fleming, che prima dell'inizio saluta in ottimo tedesco il pubblico televisivo e spiega che poiché una tempesta di neve aveva messo in forse il suo decollo da New York, la Semperoper ha approfittato della disponibilità di Anna Netrebko ed Erwin... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: