Emmanuel Ceysson per 80 fortunati

C’è un posto incredibile a Venezia, sconosciuto a tanti, in anni recenti recuperato da una benemerita fondazione che vi ha istituito il proprio Centre de Musique Romantique Française. Al Palazzetto Bru-Zane si accede da uno di quei giardini nascosti da un alto muro di cinta, spesso invisibili ai passanti. Piccolo edificio costruito a servizio del vicino Palazzo Zane, veniva utilizzato per intrattenimenti di società, per feste e concerti, e fu all’inizio del Settecento ampiamente decorato ad affresco.
Nella sala principale, un ambiente di ridotte dimensioni circondato da un ballatoio di legno a mezz’altezza e ampiamente ricoperto di stucchi e pitture, il Centre organizza la maggior parte dei propri concerti veneziani. E così, ieri pomeriggio ottanta fortunati hanno assistito al recital straordinario di questo ragazzo che a 26 anni è prima arpa all’Opéra di Parigi e ha una carriera solistica internazionale. Il programma di questa densa ora e venti di musica era formato quasi esclusivamente da fantasie e variazioni su temi d’opera, un genere che fa storcere il naso a molti idealisti dediti al culto dell’arte per l’arte ma che è in realtà una vera e propria miniera di tesori. Il programma era questo:

Elias Parish Alvars (1808-1849):
Fantaisie sur Lucia di Lammermoor de Donizetti, op. 79
Fantaisie sur Norma de Bellini, op. 36

Louis Spohr (1784-1859):
Variations sur l’air de Méhul “Je suis encore dans mon printemps”, op. 36

Albert Zabel (1834-1910):
Fantaisie sur des airs de Faust de Gounod, op. 12

Ekaterina Walter-Kuhne (1870-1930):
Fantaisie sur Eugène Onéguine de Tchaikovski

Wilhelm Posse (1852-1925):
Variations sur “Le Carnaval de Venise”

Félix Godefroid (1818-1897):
La Danse des Sylphes, op. 31
Etude de concert en mi bémol mineur, op. 193

Musica per virtuosi senza paura, certamente esteriore, certamente funzionale a un piacere tutto emotivo, certamente tanto meno profonda di tanto più profonde altre composizioni di più blasonati compositori. Ma chi se ne importa, nel mondo c’è posto per tutto e tutti, per Parsifal come per la Vedova allegra. Emmanuel Ceysson crede in questa musica e la rende credibile a chi lo ascolta; non è un’algida macchina per note, non è neppure sempre immacolato nell’esecuzione, ma dimostra un controllo totale dello strumento, con cui instaura un rapporto addirittura carnale, e una passione, un abbandono di straordinaria presa emotiva. Respira (anche in modo abbastanza clamoroso) con la musica e cava da quella distesa di corde tese una stupefacente quantità di colori. La musicalità è strepitosa, così come la capacità di evidenziare nell’impressionante profluvio di note le linee melodiche fondamentali, cantate rivelando una profonda affinità con le partiture originali da cui provengono. Ceysson ha più volte parlato del suo grande amore per l’opera: mentre lo ascoltavo ricordavo la registrazione di un recente Werther all’Opéra Bastille nella quale ogni panoramica fatta dalle telecamere nella buca dell’orchestra lo mostrava tutto sporto di lato a seguire attentissimo lo spettacolo sul palcoscenico. Ieri, costretto dagli applausi a ringraziare tre, quattro volte dopo ogni brano, ha più volte cercato con la mano di fermare il pubblico, con un sorriso quasi intimidito da tanto entusiasmo ma anche visibilmente spinto dall’urgenza di riprendere a suonare. Come se pensasse: prima la musica, poi le formalità.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Venezia, Video, Visto. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Emmanuel Ceysson per 80 fortunati

  1. Marco Palmolella ha detto:

    Prof. Emmanuel Ceysson, Le volevo segnalare che molte arie da camera di Gaspare Spontini, che potrà trovare alla BNF sono per canto ed arpa. Magari si potrebbe utilizzare un’arpa Erard. Un talento come il Suo potrebbe ridare vita a tante partitions abbandonate in qualche biblioteca.
    Complimenti
    Marco Palmolella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...